All posts tagged: PIEDINO

La mia passione per le calze fully fashioned

Questa attrazione per le calze da reggicalze me la trascino da tempo, sin da quando ero una bimbetta. Adoro le calze da reggicalze, forse perché le ammiravo indosso a mia nonna e mia madre. Le osservavo mentre si vestivano con cura e non vedevo l’ora di poter  mettere anch’io quell’accessorio con le calze, invece che i noiosi e odiosi collant o parigine o ancora peggio quei calzinetti bianchi in pizzo stile manga. Ma cosa ero una bambola? Forse abbinavo la loro mise a una certa sensualità. C’è da dire che entrambe avevano un bel fisichino slanciato e ben proporzionato. Credo che aiutasse a vederle molto sensuali. Ammetto anche che, di nascosto provavo le calze e le décolletè 34/35 di mia madre, sfilando davanti allo specchio. Ovviamente ci sarei entrata come minimo 2 volte.  Non credo di aver mai visto un paio di autoreggenti in famiglia… quelle non mi vanno proprio a genio. Credo comunque sia merito di mio padre feticista delle calze, delle gambe e dei piedini. Lui ha una certa età. Era in corso …

Piedi odorosi

La ricerca di piedi odorosi nell’ambito del feticismo non mi è per nulla nuova. Già da piccola, durante i primi giochini “piedosi” con il mio amico Luca, avevo capito che preferiva i piedini vissuti. Si infilava sotto il tavolo e lentamente se li godeva. Iniziava osservando e carezzando il piede lievemente sul toe cleavage che spuntava dalla ciabattina. Poi saliva come ipnotizzato verso l’arco e pian piano avvicinava il volto al piedino per annusarlo. Quanto era delicato il mio “mister presunzione”, spendeva la maggior parte del tempo così, solo in fine si decideva a leccarlo.  Lo guardava con uno sguardo pieno di delicatezza ed amore, oserei direi. Il mio piedino per lui era sacro. Aveva spesso il timore che leccandolo il mio profumo svanisse e quindi l’adorazione era tutta concentrata sulle carezze e sull’annusare i miei piedini e solo infine quando si stancava decideva di leccarli per bene. Da qualche anno a questa parte coltivo una cara amicizia con un altro feticista, un ragazzo per cui nutro un profondo affetto materno. Anche lui ama i …

 Il fascino del collant

Il collant, come dice la radice della parola stessa, si distingue dalle calze per la sua aderenza. Nacque intorno al 1959 per sostituire in modo più pratico le calze da reggicalze. I materiali solitamente sono gli stessi delle calze. Era in uso nell’era delle minigonne, soprattutto per un fattore estetico. Non si può vedere una minigonna con una calza da reggicalze. Trovo molto volgare quando la balza della calza non arriva alla gonna. Ma da qualche tempo a questa parte è stato sostituito dai leggins. Anche quelli sono pratici, comodi, avvolgenti, ma lasciano il piedino scoperto. Il piedino mi piace farlo sospirare, per cui lo copro spesso con calze o collant per poi scoprirlo lentamente o nel caso del collant rompere il tessuto e liberare le mie magnifiche estremità dalla costrizione del nylon. Personalmente uso il collant non troppo spesso. Sono, praticamente da sempre, affascinata dalle calze da reggicalze e dai reggicalze, bustini e corpetti vari. Trovo molto eccitante il gioco che si crea lasciando scoperta quella parte di pelle tra la balza della calza ed il bordo del …

Il tease and denial nel fetish

Tease and denial, stuzzicare e negare. Non è una pratica, ne una tecnica, ma una componente fondamentale in un rapporto di dominazione. In questo articolo prendo in considerazione il tease and denial in ambito fetish, ma l’argomento è molto vasto e sfaccettato e abbraccia tutto il mondo bdsm e ne tratterò nuovamente in prossimi post. Provocare e stimolare la fantasia maschile, esaltarla e portare al limite i “poveri malcapitati”. Mi diverto così da molto tempo… da quando ho capito quanto fascino emano e quanta influenza esercito sulle persone. E poi le mie gambe e i miei piedini perfetti sono come calamite per catturare il tuo sguardo e non darti scampo. Mi basta accavallare le gambe o giocare scocciata con il piedino calzato da una décolleté per attirare occhiate indiscrete. Mi trovo di fronte a lui, vestita in maniera impeccabile, stile retrò, gonna rigorosamente al ginocchio, lounghette a vita alta che marca bene la mia silhouette. Camicetta leggermente trasparente. Calze con la riga che esaltano le mie gambe snelle e polpacci ben definiti. Ai piedini una …